Autosufficienza napolitana

-“Acquistate solo prodotti del Sud perché siamo un popolo di consumatori e così incentiviamo i prodotti del Mezzogiorno”.
-“Ritirate i vostri depositi dalle banche pubbliche e dalle Poste”.
-“Uscite dai partiti e dai sindacati nazionali”.
-“Dovete pretendere che tutte le opere pubbliche che devono essere realizzate nel Mezzogiorno, vengano appaltate esclusivamente da aziende del Sud”.
-“Si deve pretendere l’insegnamento obbligatorio in tutte le scuole dei “parlare meridionali”.
-“Le canzoni napoletane, non più tutelate dalla Siae, diventino non di dominio pubblico, ma di proprietà di un Ente per la canzone napoletana, istituito per nome e per conto di tutte le regioni meridionali”.
-“Io non voglio vincere le elezioni, voglio conquistare il potere, perché i conti (economici) con il settentrione e le aziende del Sud, vanno fatti, una volta per tutte”
Angelo Manna

Autosufficienza napolitana1573333372.PNG
Le dichiarazioni sopra riportate, sono di Angelo Manna, l’unico vero uomo politico del SUD capace di denunciare un sistema colonialistico nordista ai danni del popolo napolitano, e per quanto siano state dette anni fa, esse sono sempre più attuali. In effetti, mettendo in pratica tali consigli, ogni napolitano, ogni abitante del Sud Italia si adopera come artefice dell’autosufficienza del proprio paese nella propria libertà di poter scegliere, contrastando l’avanzamento della povertà e della desolazione economica e sociale verso cui il SUD va inesorabilmente a scontrarsi.

758572136.PNGPrendendo in esame il primo consiglio, notiamo che un popolo arriva ad essere libero e autosufficiente se consuma i suoi prodotti cioè quelli che produce. Questa è la strada maestra da percorrere senza indugio affinché il popolo sia protagonista della propria rinascita, così che ogni napolitano, con il suo consumare, incentivi le aziende produttrici napolitane e diventa azionista passivo dello sviluppo economico del SUD Italia. In questo modo tutti insieme possiamo frenare(o tanto meno rallentare in modo evidente) quel degradante aspetto che accompagna ogni italiano del SUD, che è l’emigrazione e che ci perseguita da quasi 150 anni.

128085061.jpgA parte questo possiamo parlare della sofferenza del nostro palato: prendiamo ad esempio una bella grattugiata di cacio su degli allettanti ziti al pomodoro, è una squisitezza, a parte che il sugo sia di passata di pomodoro nostrano, o vogliamo mettere una succosa mozzarella di bufala su cui stendere un filo d’olio di oliva extravergine come lo sanno fare solo in Puglia, o magari quello calabrese o siciliano; possiamo parlare della pasta che è di primissima qualità sin da quando all’inizio del 1800 c’era un florido commercio di grano che dal Tavoliere arrivava sulle coste tirreniche per la lavorazione dei maccheroni, senza togliere nulla alle orecchiette pugliesi; e i dolci, babà, cannoli, sfogliatelle, taralli dolci pugliesi e pepati napoletani. Eh sì, un emigrante perde molto in dieta mediterranea.
1933099847.jpgMa si può parlare della lavorazione delle scarpe o dei vestiti, intessuti in modo egregio e riconosciuti in tutta Italia, infatti molti artigiani del nord si riforniscono al SUD. Come si può notare, al SUD non ci sono grandi industrie, ma artigianalmente siamo di qualità e questa deve essere la nostra carta vincente, ma dobbiamo essere prima noi a saper apprezzare quello che abbiamo e che altri ci invidiano, perciò impariamo a tutelarlo e a conoscerlo meglio.

Senza un inversione di tendenza dell’economia meridionale, i figli del SUD rimangono senza speranza, per cui quello che si deve fare, ogni napolitano lo deve fare ora, ogn’uno di noi ha il dovere di prendere parte a questa iniziativa di incentivazione dei prodotti del SUD e di dimostrare il nostro carattere e di non aspettare alle vuote offerte di assistenza statale o agli ingannevoli aiuti che ripetutamente ci arrivano nei momenti delle elezioni per comprare i nostri voti.
Siamo napolitani e il nostro onore non è in vendita.
Compriamo i prodotti della nostra terra.
Viva il popolo napolitano.
Antonio Iannaccone

Autosufficienza napolitanaultima modifica: 2008-09-25T18:54:00+02:00da tonyan1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento